CNN cerca stagisti in giornalismo per la sede di Londra

L’emittente televisiva statunitense CNN è alla ricerca di  tirocinanti per il suo ufficio di Londra che si occupino della raccolta notizie e della sezione digitale e sportiva. Gli stage sono rivolti a ragazzi neolaureati in Giornalismo o in corsi di studi affini, che abbiano interesse nel costruirsi una carriera in ambito giornalistico e abbiano una buona conoscenza di lingua inglese,  sia orale che scritta.
Mansioni e Responsabilità
Tra le principali responsabilità del tirocinante rientrano:
attività di ricerca
verifica notizie
partecipazione ad incontri,
contributi sotto forma di idee e storie ecc ecc.
Tipologia di stage
Sono disponibili 2 tipologie di stage: le Digital Internships, le News Internships
Per la categoria News Internships è possibile candidarsi per le seguenti aree:
Sports (Broadcast);
The News desk;
Current affairs programmes (Amanpour / The World Right Now, with Hala Gorani);
CNN Vision internship;
Interview Content Producing & guest booking.
Per la categoria Digital Internships è possibile candidarsi per le seguenti aree:
Motion Graphics;
Digital Video;
Digital Features (Online content only);
Digital Sports (Online content only);
Digital News (Online content only)

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Nota del Def più veritiera di ogni promessa: tagli alla scuola nei prossimi anni

Next Article

Imam arrestato a Padova, bambini di 5 anni picchiati se sbagliavano preghiera

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.