Clima, da Kyoto a Copenhagen

terra.JPGSi sono dati appuntamento nella città della Sirenetta per discutere del riscaldamento globale e cercare di fare il punto della situazione alla luce degli ultimi dati aggiornati sul fenomeno. Anche perché il protocollo di Kyoto sta diventando datato e le misure che contiene devono essere necessariamente riviste. Per questo 1.600 ricercatori provenienti da oltre 80 paesi stanno partecipando alla tre giorni sul tema «I mutamenti climatici: rischi globali, sfide e soluzioni». Organizzato dall’Università di Copenhagen in collaborazione con altri nove atenei del mondo, questo congresso scientifico è il maggiore che sia mai stato organizzato sul clima.
Lo scopo è quello di aggiornare i dati contenuti nel rapporto Onu del foro intergovernamentale sui mutamenti climatici (Ipcc) redatto nel 2007 che contiene i risultati di ricerche compiute cinque o sei anni fa. Questo rapporto è la base ufficiale di riferimento per i negoziati sui cambiamenti climatici che si terranno a Copenhagen in dicembre.
Da allora però la ricerca ha acquisito nuove informazioni preoccupanti soprattutto sull’innalzamento del livello dei mari causato dal surriscaldamento globale e sulle emissioni di anidride carbonica. Fenomeni che procedono molto più velocemente di quanto non avesse previsto l’Ipcc.
La rapida acidificazione degli oceani, causata dalla crescente pressione dell’anidride carbonica, potrebbe ricreare condizioni mai viste nei mari dai tempi dei dinosauri. Queste le conclusioni di un recente studio dell’Università di Bristol – riferisce il quotidiano The Guardian – presentato ieri alla tre giorni del Congresso scientifico mondiale sui cambiamenti climatici.
I ricercatori hanno confrontato il tasso di acidificazione attuale dei mari con il gigante rilascio in era preistorica di gas serra, che i geologi ricordano perché causò l’estinzione generalizzata delle specie delle acque profonde.
L’aggiornamento sarà la base scientifica del vertice Onu sul clima di dicembre, che si terrà sempre a Copenaghen, dal quale dovrebbe nascere il nuovo accordo globale successivo al protocollo di Kyoto, che scade nel 2012.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Commessi tra le scarpe in varie città

Next Article

Borse Kaust per un master nell'Arabia Saudita

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".