Città della Scienza, bimbi in piazza per la ricostruzione

Schermata 2013-03-11 a 09.33.48

In diecimila,  metà dei quali bambini, hanno sfilato ieri per  Città della Scienza.

Sono proprio i bambini i primi a soffrire del raid incendiario che la scorsa settimana ha distrutto uno dei fiori all’occhiello del capoluogo campano e del Paese.  Tuttavia quella di ieri non è stata giornata di lacrime o sconforto, è stata piuttosto la domenica della speranza urlata al grido «Riprendiamoci Napoli».

Dalle mani della camorra o di chi ha inteso sfregiare con il fuoco l’orgoglio di un’intera città. I volti rigati di nero sono la fotografia più realistica dello stato d’animo: rinascere dalle ceneri e subito. I napoletani reagiscono così, una bella giornata di quasi primavera dalle emozioni forti, da trascorre insieme, abbracciati in una catena umana per testimoniare che «qui nessuno si arrende, anzi».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Domenica di messe per i cardinali 'papabili'. Chi sarà il successore di Ratzinger?

Next Article

Un'università su due dovrà ridurre l'offerta dei corsi

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.