“Chiudete l’Università di Bari”, ancora polemiche. “Ha ragione il governatore dell’Abruzzo”

chiudete l'Università di Bari

Non si placa la bufera nel mondo dell’Università dopo la pubblicazione dell’editoriale firmato da Francesco Giavazzi sul Corriere della Sera e le successive dichiarazioni del governatore della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi.

A intervenire, questa volta, è direttamente dal suo profilo Facebook Pierfrancesco Bencivenga, coordinatore nazionale degli Studenti Italiani.

“Non é frequentando la fabbrica delle illusioni che si costruisce il futuro!!!Ha ragione Gianni Chiodi. Questo paese non può permettersi UNIVERSITÀ MEDIOCRI che hanno costi altissimi grazie a caste privilegiate (baroni,prof. Ecc). Chiudiamo queste Università e reinvestiamo i soldi nel diritto allo studio,nello sviluppo del sistema universitario. In questo modo tutti gli atenei saranno spinti a perseguire una politica lontana da logiche baronali,sprechi puntando sulla QUALITÀ!”.

pierfrancesco bencivenga

Immediata la risposta da parte di altri studenti: “Qui non si parla di Università mediocri ma pubbliche. Questo è il diritto allo studio!”

 

Total
0
Shares
1 comment
  1. D’estate purtroppo i colpi di sole sono frequenti !!
    Il presidente della Regione Abruzzo dovrebbe interessarsi più e meglio delle attività e della ricostruzione della propria Regione !!

Lascia un commento
Previous Article

Studenti: Accordo Ca-Foscari/Confindustria Venezia per stage

Next Article

Bufera sul Corriere della Sera, ecco la risposta di Link: "Intervenga subito il Ministro Carrozza"

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".