Chi è Pier Carlo Padoan, il nuovo ministro dell’Economia

pier carlo padoan

L’indiscrezione è arrivata già in giornata, ma la conferma è uscita solo dalla bocca di Renzi. Pier Carlo Padoan è il nuovo ministro dell’Economia. Un ministero chiave, intorno al quale si decide molto di un governo. Capo economista ed ex vicedirettore generale dell’Ocse, Padoan è stato professore di Economia presso l’Università La Sapienza di Roma e direttore della Fondazione Italianieuropei. Dal 2001 al 2005, inoltre, ha ricoperto l’incarico di Direttore esecutivo per l’Italia del Fondo monetario internazionale con responsabilità su Grecia, Portogallo, San Marino, Albania e Timor Est.

Dal 1998 al 2001 è stato consulente economico per i primi ministri italiani Massimo D’Alema e Giuliano Amato.
Inoltre, ha ricoperto incarichi di consulenza per la Banca mondiale, la Commissione Europea e la Banca centrale europea.

Nominato a fine gennaio presidente dell’Istat, Padoan è stato anche il rappresentante dell’Ocse al G20 Finanza e a capo della Risposta Strategica, della ‘Green Growth and Innovation Initiative’ dell’organizzazione. Prima ancora Padoan è stato direttore della Fondazione Italianieuropei, un think-tank politico che si occupa di temi economici e sociali.

“L’Italia deve spostare la sua politica del lavoro tutelando maggiormente il reddito dei lavoratori e meno il posto di lavoro in sè” nonchè migliorando “la rete di supporto sociale” – ha scritto Padoan nel rapporto Going for growth da parte dell’Ocse. “Abbassare il cuneo fiscale e il costo minimo del lavoro”, quindi: questa la ricetta del nuovo ministro dell’Economia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Chi è Stefania Giannini, il nuovo ministro dell'Istruzione

Next Article

TUTTI I MINISTRI - Ecco il nuovo governo di Matteo Renzi

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.