Celiachia, la dieta gluten-free diventa moda

In Italia 6 milioni di celiaci per ‘moda’. Gli esperti però avvisano: inutile eliminare glutine se non si è malati!
Prima il ‘biologico’, poi il ‘vegano’. E ora il ‘no-glutine’, un mercato in ascesa negli ultimi anni, con crescita di fatturato e proseliti spinti dalle celebrities. Gwyneth Paltrow, Victoria Beckham, Kim Kardashian, Lady Gaga con milioni di follower sui social, diversissime fra loro ma accomunate dal pallino del gluten-free, nell’errata convinzione che si tratti di uno stile alimentare più sano.
Sono circa 6 milioni, infatti, gli italiani celiaci ‘per moda’ che, oltre a seguire una dieta inappropriata, sprecando milioni di euro, secondo i dati Nielsen diffusi dall’Associazione italiana celiachia (Aic) in occasione della Settimana nazionale della celiachia, dal 13 al 21 maggio, dedicata quest’anno alla nutrizione e all’educazione alimentare per vivere al meglio una dieta che per i celiaci non è una scelta alimentare ma l’unica terapia possibile. Nel nostro Paese – indicano i dati – ogni anno si spendono 320 milioni di euro per prodotti senza glutine, ma di questi solo 215 derivano dagli alimenti erogati per la terapia dei pazienti celiaci. Il 10% dei cittadini europei segue una dieta totalmente, parzialmente o occasionalmente gluten-free senza averne bisogno. I celiaci per moda non portano in tavola nulla che contenga glutine, convinte di guadagnare così in salute e restare in forma più facilmente.
L’obiettivo della Settimana nazionale della celiachia – spiega una nota – è anche informare i pazienti e aiutarli ad avere una dieta varia, gustosa e sana grazie a poche, semplici regole: la dieta di esclusione deve essere seguita per tutta la vita, ma è importante sapere, per esempio, che il numero di alimenti ‘permessi’ è di gran lunga superiore a quello dei cibi proibiti. L’ideale è scegliere i locali attenti alle esigenze dei celiaci: l’elenco si può consultare su www.celiachia.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Obama a Milano

Next Article

Eva, il reggiseno rivela-tumore ad inventarlo un 18enne

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".