PRIMA PROVA – La carica dei 490 mila: comincia l’esame di maturità 2014

fingers-crossed

Esame di maturità 2014 – Mancano poche ore: domani, verso le 8.30, quasi 490 mila studenti italiani siederanno ai banchi di scuola per cominciare il loro esame di maturità. Si comincia con la prima prova, quella di italiano scritto, con le consuete possibili tipologie di elaborato: analisi di un testo letterario, produzione di un saggio breve o di un articolo di giornale (questi due nei diversi ambiti di riferimento e dunque storico-politico, socio-economico, artistico-letterario, tecnico-scientifico), il tema di argomento storico o di attualità.

Come ogni anno, durante gli ultimi giorni prima dell’esame impazza il tototraccia e gli studenti esplorano in lungo e in largo il Web nel disperato tentativo di trovare un indizio, un’anticipazione di quello che si troveranno davanti domattina: sarà la volta di Pirandello o di Gabriel Garcia Marquez? Il tema di attualità sarà sulla vita di Nelson Mandela o sull’operato di Papa Francesco? La realtà, però, è un’altra: le tracce non saranno disponibili se non a pochi minuti dall’inizio dell’esame. sebbene quasi tutti gli istituti abbiano già scaricato il file contenente le tracce per la prima prova, infatti, questo rimane crittografato e la chiave per leggerlo arriverà direttamente dal Ministero dell’Istruzione solo domani mattina, verso le 8.30 appunto.

Niente effetto Claudio Magris quest’anno: il Miur, tramite il suo profilo Twitter, ha voluto rassicurare i maturandi sul contenuto della prova scritta. Nessun nome sconosciuto (o quasi), l’argomento delle tracce saranno in linea con i programmi studiati l’ultimo anno dai ragazzi.

Non resta quindi che aspettare, riposarsi (se ci riuscite) e cercare di non alzare il livello di stress. La prima prova, d’altra parte, stando ai dati forniti dal Miur riguardo la maturità 2013, è pur sempre quella in cui i maturandi ottengono i risultati migliori.

 

Scarica gratis la Guida all’esame di Maturità 2014 di Corriere Univ

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Laurea a Bonanni, applausi e proteste

Next Article

Salerno, il ministro Giannini contestata alla laurea di Bonanni: "Meno sfilate, più borse di studio"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident