Una capsula del tempo nel giardino della scuola: messaggi per il futuro

Come sarà il mondo tra 50 anni? Chi sarà a dissotterrare la capsula del tempo nel giardino di una scuola superiore dell’Emilia-Romagna? E soprattutto c’è da chiedersi se quello sarà ancora il giardino di una scuola… Dopo tutti gli sconvolgimenti vissuti a causa della pandemia da studenti e insegnanti nell’ultimo anno, chissà se nel futuro la scuola esisterà ancora o se la formazione sarà solo in modalità digitale o in luoghi culturali multifunzione.

Oggi, 10 maggio 2021, in occasione della giornata dell’Europa, al Polo Tecnico di Lugo (Ravenna) le studentesse e gli studenti hanno interrato una capsula del tempo. Verrà aperta nel 2070 e contiene gli oggetti più significativi per i giovani del 2021.

Uno smartphone, la foto di un’aula con i banchi distanziati e volti di studenti coperti dalle mascherine sono tra i primi oggetti inseriti nella capsula del tempo. Inoltre tra i messaggi che si vogliono far arrivare alle generazioni future, c’è un QR code da cui poter scaricare una playlist di canzoni odierne. Gli studenti hanno affidato i loro pensieri a lettere sia in italiano che in inglese, inoltre hanno aggiunto all’interno della capsula del tempo foto e articoli relativi ai protagonisti del momento: Kamala Harris, Greta Thunberg e il movimento Black Lives Matter.


La cerimonia è avvenuta nel giardino dell’Istituto superiore alla presenza del sindaco della città e fa parte del progetto europeo “Building bridges: navigating cultural differences to communicate effectively”. L’istituto ha partecipato a questo progetto in gemellaggio con scuole di diversi paesi europei: Polonia, Georgia, Turchia. L’evento ha voluto quindi costruire ponti nello spazio ma anche nel tempo.

Total
9
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giorno dell'Europa, come celebrare a scuola l'UE

Next Article

Accordo sugli stipendi degli insegnanti ancora in alto mare: gli aumenti non superano i 55 euro netti

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata