Caporetto, una questione di previsioni del tempo

Caporetto. A quasi un secolo di distanza, il nome di questa ridente località alpina è, ancora oggi, presagio di disfatta. Fu lì infatti che gli austro-ungarici stroncarono le linee italiane nel ’17, portandosi ad un passo dalla Pianura Padana. Ma come mai Cadorna e soci presero una sberla simile dopo mesi e mesi di logoramento del nemico? Un nuovo studio del centro di climatologia dell’ateneo partenopeo, guidato dal prof. Mazzarella, lo spiega.

Caporetto. A quasi un secolo di distanza, il nome di questa ridente località alpina è, ancora oggi, presagio di disfatta. Fu lì infatti che gli austro-ungarici stroncarono le linee italiane nel ’17, portandosi ad un passo dalla Pianura Padana.
Ma come mai Cadorna e soci presero una sberla simile dopo mesi e mesi di logoramento del nemico? Un nuovo studio del centro di climatologia dell’ateneo partenopeo, guidato dal prof. Mazzarella, lo spiega.
Fu tutta una questione di previsioni del tempo. In un primo momento, infatti, le truppe dell’impero asburgico avevano previsto di attaccare il 22 ottobre. L’offensiva, invece, partì due giorni dopo per muoversi nascosti dal maltempo. E quella notte, sui nostri piovve molto di più che un acquazzone autunnale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Unileo 4 light: luce per gli studenti ipovedenti

Next Article

Via alla "settimana"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".