Capodanno in rosso

All’insegna del low cost ma senza rinunciare ai festeggiamenti. Anche quest’anno l’addio al 2010 vedrà oltre quattro milioni di italiani pronti a festeggiare fuori delle mura di casa, al ristorante (il 7% del campione intervistato) o in vacanza in Italia o all’estero (6%), o in discoteca (2%). In lieve aumento coloro che dichiarano apertamente di rinunciare ai festeggiamenti perché versano in difficoltà economiche (dal 3% del 2009 al 4%).

All’insegna del low cost ma senza rinunciare ai festeggiamenti. Anche quest’anno l’addio al 2010 vedrà oltre quattro milioni di italiani pronti a festeggiare fuori delle mura di casa, al ristorante (il 7% del campione intervistato) o in vacanza in Italia o all’estero (6%), o in discoteca (2%). In lieve aumento coloro che dichiarano apertamente di rinunciare ai festeggiamenti perché versano in difficoltà economiche (dal 3% del 2009 al 4%). Anche la stima delle spese per il cenone di Capodanno segnala tempo perturbato sul fronte economico: si passa da 117 euro in media a persona dell’anno scorso ai 104 attuali (-9%).
È quanto emerge dal sondaggio Confesercenti – Swg. I residenti al sud, pur preferendo restare in casa con parenti ed amici si dimostrano più inclini alla spesa probabilmente in ossequio alle tradizioni. Mentre i giovanissimi sono i più propensi ad aspettare l’anno nuovo in giro per locali o luoghi di vacanza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Più vita per Napoli

Next Article

Sun proclama gli eletti

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside