Camusso: “La priorità è innalzare l’obbligo scolastico”

obbligo scolastico camusso

“L’obbligo scolastico va innalzato per diventare il punto di partenza dell’istruzione come grande vettore di sviluppo”. Esordisce così il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, intervenuta al terzo congresso nazionale della Rete degli Studenti Medi a Perugia.

Quello dell’innalzamento dell’obbligo scolastico rimane, secondo le parole del segretario Cgil, una delle priorità cui il Governo deve rispondere: “Noi — prosegue Camusso — siamo tra i Paesi cosiddetti sviluppati, ma siamo uno dei pochi che continua ad avere nei fatti l’obbligo a 15 anni, visto che a 15 anni è l’ingresso al lavoro anche se la teorica affermazione del diritto allo studio è quella dei 16”.

Ad oggi abbiamo un obbligo scolastico che sta a metà di un ciclo di istruzione – ha concluso il segretario Cgil –  è come dire faccio una norma per garantirne l’evasione, perché  non ha avuto invece ovviamente l’effetto di allungare un obbligo generalizzato fino alla fine del ciclo scolastico”.

La normativa in materia di obbligo scolastico è stata recentemente modificata fino al 2006, quando per legge è stato stabilito che l’istruzione dovesse essere impartita per almeno 10 anni (da 6 a 16 anni appunto) e che dovesse essere “finalizzata a consentire il conseguimento di un titolo di studio di scuola secondaria superiore o di una qualifica professionale di durata almeno triennale entro il diciottesimo anno d’età”.

Durante il congresso degli Studenti medi, la Camusso si è poi espressa sul tema dell’edilizia scolastica, commentando lo stanziamento dei fondi voluto dal Governo Renzi: “Dire che si fa uno stanziamento consistente, intervenire rispetto all’edilizia scolastica e rimettere in sicurezza le scuole è un’esigenza che abbiamo manifestato in tantissime occasioni, è una scelta assolutamente importante, però non può essere l’unica risorsa che si spende per la scuola in questa stagione”.

 

Il segretario, infatti, ha voluto rilanciare chiedendo interventi anche per insegnanti e personale scolastico, ma senza intaccare le risorse a disposizione della didattica: “A fianco – ha continuato la Camusso – noi stiamo ancora aspettando che si rimettano le risorse che le tante leggi precedenti hanno tolto. Giustamente gli insegnanti rivendicano i loro contratti e le loro retribuzioni, ma se li paghi con le risorse dei fondi scolastici vuol dire che nella scuola non fai progetti formativi e non vai oltre”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'abilitazione Scientifica Nazionale che piace ai "giovani"

Next Article

Aprono il sito della scuola dove studiano i loro bambini, ma trovano un portale hard

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).