Campionato di calcio a 5 al femminile: finale per gli atenei romani

Si tiene venerdì 15 aprile 2011 la finale della quinta edizione del Campionato di calcio a5 femminile delle Università di Roma

Si tiene venerdì 15 aprile 2011 la finale della quinta edizione del Campionato di calcio a5 femminile delle Università di Roma, manifestazione patrocinata da Comune di Roma, Consiglio Regionale del Lazio, Comitato Regionale di Coordinamento delle Università del Lazio, e organizzata dalla Time Sport Roma.

A contendersi la coppa saranno il quintetto della Luiss e quello della John Cabot University (Jcu). Fischio d’inizio alle ore 21.30 presso il nuovissimo impianto del Futsal Arena, in Via del Baiardo 25 (zona Tor di Quinto), struttura con una capacità di oltre mille posti a sedere.

Nel corso della serata si disputeranno inoltre le finali del 5°/6° posto, tra Lumsa e Link Campus University of Malta/Sapienza (ore 19.15), e del 3°/4° posto, tra Roma Tre e The American University of Rome (ore 20.15).

Partita il 20 ottobre scorso la manifestazione, unica a livello nazionale, ha visto il coinvolgimento di 7 atenei della capitale rappresentativi di altrettante squadre: Roma Tre, Sapienza, Luiss, Lumsa, John Cabot University, Link Campus University of Malta, The American University of Rome, oltre ad una rappresentativa Erasmus, all’esordio nella competizione.

Ben 50 le partite disputate tra girone all’italiana di prima fase e play off a eliminazione diretta, circa 200 le studentesse complessivamente
coinvolte.

Edoardo Maria Massimi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma Tre: “una società senza valore: il doping”

Next Article

L'economia con Gennaro Ferrara

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.