Campania, un turnover da 3.128 cattedre: metà resteranno vuote

Sono 1.600 i precari campani che dovranno aspettare il prossimo anno per l’ammissione in ruolo.  Come riporta il Mattino in un articolo a firma Ginaluca Sollazo, in Campania sono libere 2.301 cattedre tra medie e superiori, a cui se ne aggiungono 837 per la scuola dell’infanzia e primaria. Ma le assunzioni previste entro il 6 agosto comprederanno 1.150 docenti del primo blocco, mentre le maestre di infanzia e primaria saranno assunte in toto. Il resto il prossimo anno con la nuova legge di Bilancio, queste sono le speranze per oltre 1.600 precari campani.
Nel mondo della scuola della regione partenopea si contano 2.750 precari storici inseriti nelle graduatorie ad esaurimento (Gae) ed eslusi dal piano di assunzioni previsto della riforma della “Buona scuola”. Con un’età media avanzata tra i 48-52 anni, i precari regionali attendono di ricevere l’agognata lettera di assunzine.
Il Miur ha precisato che per il prossimo anno scolastico verrà rispettato il criterio duale, ovvero il 50% delle cattedre disponibili sarà riservato ai vincitori del concorsone 2016, il resto agli aventi titolo individuati dalle graduatorie ad esaurimento. Niente più graduatorie, niente più precari, erano gli slogan della legge 107. La realtà è ben diversa. La provincia di Napoli è quella che ospita più iscritti: 1491; seguono Salerno con 563 prof, Caserta con 382, Avellino con 202 e Benevento con 142.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Blockchain, che cos'è e come potrebbe rivoluzionare il mondo dell'istruzione

Next Article

Pisa: corso gratuito per diventare Grafico

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident