Caffè e tè verde contro l’ictus

caffè-tè-verde-ictus-300x201
I ricercatori giapponesi del Centro nazionale dedicato alle patologie cardiovascolari e cerebrali ne sono certi: il caffè aiuta a prevenire l’ictus. Alcune sostanze chimiche contenute nella bevanda, tra le quali anche l’acido clorogenico, riducono  il rischio di ictus e di diabete di tipo 2. Anche il tè verde ha le stesse proprietà ma bisogna assumerlo in quantità superiori rispetto al caffè.
Dopo dieci anni di test, il team nipponico ha presentato i risultati della ricerca che registra una forte capacità di caffé e tè verde
di agire contro patologie gravi come l’ictus, diminuendone il rischio anche del 20 o 30%. Lo studio è stato condotto su un campione di 83mila individui, seguiti per ben 13 anni e suddivisi tra consumatori di tè verde e di caffè.
Una tazza di caffé al giorno riduce il rischio ictus del 20%. Se si tratta di ictus emorragico, anche del 30%. Lo stesso effetto si ha consumando tre tazze di tè verde al giorno.
Ora, gli studiosi vorrebbero concentrarsi sulla creazione di uno scudo anti ictus che si serva delle proprietà
di tè e caffè insieme.
AZ
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Lucca arriva il nuovo liceo sportivo

Next Article

Per migliorare il rendimento scolastico bisogna tagliare il tempo passato tra sms e internet

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.