Buona scuola, Consulta apre i concorsi anche a docenti di ruolo

Cade un altro pezzo della “Buona Scuola”. La Corte costituzionale ha dichiarato illegittima l’esclusione dalle selezioni a cattedra dei professori che già ne posseggono una nella scuola statale. Il divieto contenuto nella riforma Giannini è stato giudicato “irragionevole” sia perché non equiparata “ai docenti a tempo indeterminato della scuola privata”, sia perché “non ha impatti sull’obiettivo del tempestivo assorbimento del precariato che è stato adeguatamente perseguito dal piano straordinario di assunzioni”. 
I giudici di piazza del Quirinale insomma affermano che non possono essere esclusi gli insegnanti di ruolo dai concorsi se questo non penalizza i precari. La questione era stata sollevata dal Tar del Lazio cui si erano rivolti alcuni prof di ruolo esclusi da un concorso in quanto già assunti con contratto a tempo indeterminato. Effetti maggiori potrebbero riversarsi sul prossimo “concorsone” riservato ai docenti in possesso di abilitazione all’insegnamento nella scuola secondaria, il cui bando dovrebbe uscire nel febbraio 2018. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage ad Atene come social media manager in una startup

Next Article

Iscrizione a scuola per il prossimo anno: cosa cambia

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.