Buona Scuola: approvata la norma sui nuovi poteri dei dirigenti

Foto Mauro Scrobogna /LaPresse31-10-2012 RomaPoliticaCamera – decreto anti corruzione Nella foto: voto finale ddl anticorruzionePhoto Mauro Scrobogna /LaPresse31-10-2012 RomePoliticsChamber of Deputies – anti-corruption decree law – vote of confidenceIn the picture: final vote anti-corruption decree law

Approvato ieri alla Camera dei deputati l’articolo 9 della riforma che sancisce e regola i nuovi poteri assegnati ai dirigenti scolastici. Con 214 voti a favore, 100 contrari e 11 astenuti, la discussa norma che attribuisce nuove funzioni ai dirigenti scolastici è diventata legge: il nuovo regolamento prevede che i dirigenti scolastici possano chiamare direttamente i docenti da impiegare nei propri istituti, ma assegna anche nuovi poteri per quel che riguarda la valutazione e il premio al merito degli insegnanti (anche questi affidati alla figura dirigenziale).
Molte le polemiche, soprattutto di docenti e sindacati, che vedevano nella norma lo spettro di presidi-sceriffo e temevano l’instaurarsi di logiche clientelari: su questo punto, in particolare, un emendamento proposto dal Movimento 5 Stelle prevede che le nuove assunzioni siano esenti da conflitto di interesse avendo riguardo di possibili collegamenti soggettivi o di parentela tra dirigente scolastico e neo assunti.
La chiamata dei professori, poi, dovrà rispondere a criteri antidiscriminatori ed essere resa pubblica attraverso il portale internet di ciascun istituto: in questa maniera, il dirigente scolastico dovrà motivare pubblicamente le sue scelte e sarà la comunità accademica e quella di genitori e alunni a mantenere una sorta di controllo sul suo operato.
Le contestazioni non sono mancate anche nella giornata di ieri: durante l’approvazione del decreto, diverse decine di docenti si sono riuniti davanti alla sede della Camera per chiedere le dimissioni del ministro Stefania Giannini che, di risposta, appena approvato il punto 9 de La Buona Scuola ha risposto via twitter affermando che “Non ci saranno presidi-sceriffo, ma dirigenti responsabili e valutati”.
Tra le norme approvate nella giornata di ieri anche quella che sancisce la nascita di una rete di scuole per la “valorizzazione delle risorse professionali e la gestione comune di funzioni e attività amministrative”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Politica e relazioni internazionali, alla LUMSA 30 borse di studio per il master

Next Article

Usa: studenti litigano, il prof interviene a colpi di cinta - Il Video

Related Posts
Leggi di più

Otto studenti su dieci a scuola in presenza: ecco i nuovi dati del Ministero sul rientro in classe. I docenti assenti sono l’8%

Il Ministero dell'Istruzione ha diffuso i dati sulle presenze a scuola nella settimana che va dal 17 al 22 gennaio. Tra Dad e Ddi le classi che stanno facendo lezione a distanza sono il 30% del totale. Il ministro Bianchi: "Numeri che dimostrano la bontà delle scelte fatte. Adesso regole più semplici per aiutare studenti e famiglie".
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".