Bufera CNR la Fedeli chiede chiarezza

“Si faccia immediata chiarezza”. È quanto chiede la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli a seguito del servizio di “report” SUL CNR andato in onda su Rai 3.
La puntata aveva indagato su chef stellati e CNR. Per scoprire come vengono utilizzati i 1.200 milioni di euro stanziati per la ricerca.
L’inchiesta ”Ricercatori e ricercati”, di Giulio Valesini con la collaborazione di Cataldo Ciccolella e Ilaria Proietti, ha ricostruito come è stato gestito negli ultimi cinque anni il budget di circa un miliardo e duecento milioni di euro di cui dispone il Cnr annualmente. Dalle carte di un audit interno del Cnr di cui Report è venuto in possesso, emergono convegni contabilizzati più volte, richiesta di finanziamenti con firme false e progetti di ricerca inesistenti. Valesini ha anche intervistato lo stesso Gargiulo che, a sua volta, ha lanciato accuse di clientelismo alla sede centrale del Cnr.
“Non appena informata del servizio, esercitando i nostri poteri di vigilanza, ho chiesto al presidente Massimo Inguscio di attivarsi subito perché si possa fare piena chiarezza su quanto realmente accaduto e di informarmi al riguardo. Di fronte ad accuse come quelle emerse nel corso della trasmissione televisiva di ieri bisogna essere tempestivi e dare risposte esaustive”. Sottolineando “la totale fiducia nel ruolo della magistratura”, la Ministra ha aggiunto: “la massima trasparenza è d’obbligo anche a tutela dell’immagine del Cnr”.
Per chi non avesse visto la puntata, vi segnaliamo il seguente link per rivederla.
14906500730993-ricercatoriricercati

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Olimpiadi di Filosofia, 88 in corsa per il podio

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 28 marzo

Related Posts
Leggi di più

Studenti Erasmus dormono in stazione a Ferrara, il governo spagnolo critica l’ateneo: “Doveva pensare all’accoglienza”

Non si placano le polemiche sul caso del gruppo di studenti spagnoli costretti a dormire in stazione al gelo perché impossibilitati a trovare un alloggio a Ferrara. Il ministro dell'Università iberico ha criticato l'università emiliana per la mancata accoglienza. L'ateneo però non ci sta: "Non era di nostra competenza".