Buena o mala educación?

religione-a-scuola-no-grazie.gif“Assistenza educativa dovuta”, è cosi che la Legge Organica dell’Educazione del 2006 in Spagna definisce l’insegnamento alternativo alle ore di religione. La scelta di come riempire lo “spazio educativo” spetta all’autonomia scolastica delle singole direzioni degli istituti, “inibite” tuttavia della prassi legislativa che recita “dovuta educazione senza rafforzare la conoscenza”. Vale a dire, le ore di insegnamento non devono riguardare le materie curriculari.
A tre anni di distanza, rimane il libero arbitrio della creatività dei docenti nell’ideazione di un percorso formativo, parallelo a quello istituzionale. Una scuola della città spagnola di Cuenca, durante le ore di “non religione”, impartisce lezioni di giardinaggio ed esercitazioni informatiche.
In una visione formativa “generalista” verrebbe da chiedersi se l’insegnamento della religione sia da considerarsi un indottrinamento confessionale o un patrimonio storico-culturale dell’individuo. Ri-formulare l’insegnamento della storia della religione (non solo quella cristiano-cattolico) da punto di vista storico e culturale potrebbe accrescere il percorso formativo e personale dei giovani studenti, a prescindere dalla fede professata.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bon Ton: ora c’è chi lo insegna

Next Article

Io lavoro e tu?

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".