Buena o mala educación?

religione-a-scuola-no-grazie.gif“Assistenza educativa dovuta”, è cosi che la Legge Organica dell’Educazione del 2006 in Spagna definisce l’insegnamento alternativo alle ore di religione. La scelta di come riempire lo “spazio educativo” spetta all’autonomia scolastica delle singole direzioni degli istituti, “inibite” tuttavia della prassi legislativa che recita “dovuta educazione senza rafforzare la conoscenza”. Vale a dire, le ore di insegnamento non devono riguardare le materie curriculari.
A tre anni di distanza, rimane il libero arbitrio della creatività dei docenti nell’ideazione di un percorso formativo, parallelo a quello istituzionale. Una scuola della città spagnola di Cuenca, durante le ore di “non religione”, impartisce lezioni di giardinaggio ed esercitazioni informatiche.
In una visione formativa “generalista” verrebbe da chiedersi se l’insegnamento della religione sia da considerarsi un indottrinamento confessionale o un patrimonio storico-culturale dell’individuo. Ri-formulare l’insegnamento della storia della religione (non solo quella cristiano-cattolico) da punto di vista storico e culturale potrebbe accrescere il percorso formativo e personale dei giovani studenti, a prescindere dalla fede professata.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bon Ton: ora c’è chi lo insegna

Next Article

Io lavoro e tu?

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass.