Breivik, l'assassino che uccise 77 persone sull'isola di Utoya, ammesso all'Università di Oslo

 
Ander Behring Breivik, l’assassino che nel 2011 ha barbaramente ucciso 77 persone sull’isola Utoya a largo della capitale norvegese, potrà studiare all’Università di Oslo perché considerato un potenziale studente modello.
Questa la linea scelta dall’Ateneo norvegese in merito alla richiesta di Breivik di poter seguire un corso di Scienze politiche, possibilità concessa secondo la legge del paese scandinavo a tutti i detenuti, nessuno escluso.
“Tutti i detenuti hanno titolo per migliorare la loro condizione culturale se possiedono i requisiti per l’ammissione”, ha spiegato il Rettore dell’Ateneo Ole Petter Ottersen che ha accolto la richiesta di Breivik, precdentemente rifiutata da altre Università del paese.
Tutto ruota intorno al sistema di detenzione norvegese che non prevede pene oltre i 21 anni di carcere, a prescindere dal reato commesso, e che quindi necessita forme di reinserimento nella società per chiunque, anche per gli assassini più efferati.
Lo stesso Breivik, che non si è mai pentito del suo gesto, sta scontando una pena di reclusione di 21 anni. Ad inzio 2015, inoltre, aveva esposto denuncia contro il carcere in cui si trova recluso per “violazione dei diritti umani” in quanto veniva continuamente tenuto in isolamento.
L’Università di Oslo ha tenuto a precisare che Breivik non potrà avere contatti di sorta con gli studenti, con il campus o con i docenti. I rapporti istituzionali e burocratici saranno tenuti da una persona terza, anche se al momento non è chiaro come avverranno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Borse di studio, il diritto calpestato nel Mezzogiorno

Next Article

Pubblicato il bando Intercultura 2015/2016: quasi 1.000 opportunità per studiare all'estero

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"