Matematica e Scienze più “Smart”

Matematica e Scienze più “Smart”. Una nuova didattica per l’insegnamento di numeri e formule, centrata sul saper fare. E’ il progetto Science and mathematics advanced research for good teaching (Smart), lanciato nell’ambito di Erasmus+, il nuovo programma dell’UE a favore dell’istruzione, della formazione, dei giovani e dello sport. Smart è stato selezionato dalla Comunità Europea tra i 235 progetti presentati (di cui solo 24 approvati) e vede tra i partner anche il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione generale per gli Ordinamenti scolastici e per la valutazione del sistema nazionale di istruzione.
Il progetto – che ha durata biennale – realizza l’idea comunitaria di “Partenariato Strategico Transnazionale”, un confronto e una condivisione tra Paesi di azioni innovative nel settore dell’istruzione e della formazione. E’ proposto dall’Istituto superiore Carlo Anti di Villafranca di Verona, in partenariato internazionale con altre istituzioni scolastiche, università e rappresentanze del mondo del lavoro di Italia, Svezia, Germania, Ungheria e Olanda.
Migliorare le competenze professionali dei docenti e supportare l’innovazione nel sistema di formazione iniziale e continua degli insegnanti di matematica, fisica e scienze. Ma anche sviluppare competenze, consapevolezza e atteggiamento costruttivo degli studenti in modo da aumentarne la motivazione allo studio della matematica e delle scienze. Sono alcuni degli obbiettivi dell’iniziativa che mira ad un confronto europeo sui metodi e sui processi di insegnamento, con una particolare attenzione al collegamento tra la scuola superiore, l’università e il mondo del lavoro.
Nel corso dei prossimi mesi, sarà creato un portale web che ospiterà, tra l’altro, open online courses di matematica e scienze, lezioni e materiali didattici utilizzabili liberamente. Nel portale anche un database sui bisogni formativi dei docenti e sulle buone pratiche didattiche.
Il progetto Smart rientra nell’ambito delle attività promosse dal Miur per la promozione della cultura tecnico-scientifica, in linea con i progetti nazionali già realizzati (Problem Posing & Solving, PP&S, e LS-OSAlab).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alternanza scuola-lavoro, lo stop della Camusso: "Estenderla a tutti gli istituti"

Next Article

Lecce, il Comune dice no all'Università islamica

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.