Lecce, il Comune dice no all'Università islamica

“La proposta non ci interessa”. Non ci sarà nessuna università islamica a Lecce. Il Comune, ieri, ha bocciato la proposta dell’imprenditore italiano (convertitosi all’islam) Giampiero Khaled Paladini. L’assessore all’Urbanistica, Severo Martini, ha ribadito un secco no.

“Andremo avanti” – ha commentato subito Paladini, che da tempo si era reso protagonista della “prima università italiana per lo studio e la promulgazione della cultura islamica”. L’imprenditore pugliese non si scoraggia: “Ce lo aspettavamo. Andremo avanti. Tra un paio di settimane presenteremo la Fondazione e il Progetto. Se saranno idonei e corretti non c’è motivo per cui non debbano essere approvati”.

Il progetto contiene al suo interno Facoltà come Lettere e Filosofia, Teologia, e anche una sede: l’ex manifattura tabacchi di Lecce, un complesso industriale abbandonato dagli anni ’80. Ma la trattativa con la società proprietaria dell’immobile non è andata a buon fine.

A non convincere il Comune sono i non precisati “finanziatori mediorientali”. L’imprenditore Paladini, invece, si dice convinto più che mai che il progetto sia “indispensabile”. “Sarà un luogo aperto a tutti” – assicura nelle interviste. E, intanto, prepara le carte per farsi accreditare dal Ministero dell’Istruzione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Matematica e Scienze più “Smart”

Next Article

L'expo degli studenti: a Milano due milioni di giovani

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".