Borse di studio Nicolini sul mercato del lavoro

Obiettivo Lavoro e Legacoop Emilia – Romagna, in collaborazione con la Fondazione Marco Biagi, bandiscono un concorso per l’attribuzione di due borse di studio dedicate a Riccarda Nicolini.
Riccarda Nicolini ha contribuito alla fondazione di Obiettivo Lavoro e ne è stata Presidente, con incarichi da Assessore alla Sanità della Regione Emilia-Romagna oltre che di dirigente all’Associazione Nazionale Cooperative di Consumo.
Le borse di studio, di 2.500 euro lordi ciascuna, saranno attribuite agli autori di tesi di laurea triennale e magistrale che trattino aspetti e problemi del mercato del lavoro, con particolare riferimento alla presenza delle donne nel mercato del lavoro (oltre che dei lavoratori stranieri), alla parità salariale, conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, eguaglianza di diritti.
Possono partecipare al concorso i laureati in una Università italiana ed europea, pubblica o privata, negli anni accademici 2006-2007 e 2007-2008 e nelle seguenti facoltà: Economia, Sociologia, Giurisprudenza, Scienze Politiche.
C’è tempo fino al 31 marzo 2009.
Maggiori informazioni al link che segue
https://www.obiettivolavoro.it/ol/specialPage.do

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Analisti da formare su Milano

Next Article

Viaggio nel mondo dei Master: Da passione a professione

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.