Bonifica dell'amianto nelle scuole: a che punto siamo?

La Struttura di Missione per l’Edilizia Scolastica della Presidenza del Consiglio dei Ministri diffonde i dati  in merito all’attività di messa in sicurezza delle scuole. Ci si concentra, in particolare, sulle operazioni di bonifica dell’amianto degli istituti italiani.
A che punto siamo? “Costante è l’attività di monitoraggio, programmata ed effettuata già a livello locale da diversi anni da parte degli Enti locali e delle Usl: dal 1994, nell’ambito della Legge 257/1992 riguardante la cessazione dell’uso di amianto, è stata istituita la figura del Responsabile amianto con compiti di controllo e coordinamento” – si legge su Italiasicura.
Il Governo si sta impegnando con uno sforzo senza precedenti per la sicurezza delle scuole, che comprende anche le attività  di rimozione dell’amianto: 400 milioni sono stati stanziati a giugno 2014 – in continuità con i 150 milioni del “dl del Fare” – per la sicurezza degli Istituti e in questi mesi oltre 1.600 cantieri sono aperti. Sui quasi 600 già conclusi, ben 186 hanno riguardato opere di bonifica. Tra tutti i cantieri aperti nell’Estate 2015, il 4,88% vede la rimozione integrale di elementi costruttivi considerati dalle recenti disposizioni di legge incompatibili con l’attività didattica.
“Il lavoro quindi procede costante ed è a buon punto”,  afferma Laura Galimberti, coordinatrice della  Struttura di Missione per l’Edilizia Scolastica di Palazzo Chigi. E aggiunge: “com’è noto sono stati stanziati  905 milioni grazie all’operazione Mutui Bei anche per la sicurezza delle scuole e gli appalti saranno completati entro il 31 ottobre. Inoltre, la messa in sicurezza degli Istituti è una priorità affrontata finalmente  attraverso una programmazione nazionale e non più da molteplici graduatorie dedicate a singole problematiche”, conclude Galimberti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, Università e Ricerca: la rassegna stampa di giovedì 3 settembre

Next Article

Novara, il miracolo a scuola: un'intera classe trova lavoro a 2 mesi dal diploma

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.