Bongiorno: "Da settembre 2020 via alla laurea per la pubblica amministrazione"

La ministra a un forum dell’Ansa: “Con la triennale si potrà diventare dipendenti pubblici, con la specialistica funzionari”
Tra poco più di un anno sarà possibile cominiciare un percorso di studi universitario orientato alla pubblica amministrazione. Lo ha detto il ministro della Pa Giulia Bongiorno, ribadendo quanto già annunciato nei mesi passati ma definendo per la prima volta una data:  “Se tutto va bene da settembre 2020” partirà il percorso di laurea, ha detto. Obiettivo “abbassare l’età media” dei dipendenti pubblici ma anche creare un “orgoglio di far parte della P.a. che oggi non c’è”. Uno dei problemi “è che si va nella P.a. come scelta di ripiego o per trovare il posto fisso” e si entra “tardi”. Con la laurea triennale si potrà “diventare dipendenti” e con la magistrale “funzionari con competenze specifiche”.
Nella stessa occasione, la ministra ha poi escluso che possa essere in corsa per il posto di Commissario Ue: “Da quando ho fatto la scelta di questo percorso con la Lega sono stata candidata dai giornali a sindaco, a sottosegretario alla presidenza, alla presidenza della Repubblica, recentemente anche a commissario Ue alla concorrenza”, ha detto. “Tutte queste candidature possono fare piacere ma non sono fondate su nessun tipo di ipotesi concreta, non è proprio nei miei progetti, si tratta di candidature giornalistiche non di colloqui fatti con me, ne sto parlando per la prima volta”.
larepubblica

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

#Maturità2019, pubblicati i primi dati sui risultati dell’Esame

Next Article

Crollo delle scuole professionali: tra differenze regionali e inefficienza dell’Alternanza scuola-lavoro

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.