Bologna e Pechino, insieme per lo sport

Siglato, nelle scorse settimane presso la sede dell’Università dello sport a Pechino, un accordo tra l’Università di Bologna e la Bejing Sport University.

Siglato, nelle scorse settimane presso la sede dell’Università dello sport a Pechino, un accordo tra l’Università di Bologna e la Bejing Sport University. L’intesa firmata nella capitale cinese segue quella ratificata l’anno scorso tra l’Alma Mater emiliana e un’altra Università cinese, quella di Shangai, con la quale sono già iniziate relazioni scientifiche. Docenti e studenti, si legge in una nota dell’università bolognese, si stanno interessando alle opportunità offerte da questi accordi e già ora una studentessa dell’Università di Bologna sta svolgendo un dottorato di ricerca presso la Shangai University.

La Beijing Sport University, fondata nel 1993 sulle ceneri del precedente Istituto di Educazione fisica del 1953, è la più grande realtà universitaria dedicata allo sport del Paese asiatico, è frequentata da oltre 15.000 studenti e ha un corpo docente di 1.286 persone, di cui poco più della metà sono accademici. Di assoluto rilievo il centro ricerche per lo sport, che copre un’area di circa 2.000 metri quadrati al cui interno, tra le diverse strutture, spicca una una palestra ipobarica, in grado di simulare le condizioni ambientali che si trovano ad un’altitudine di 6.000 metri, e diversi laboratori di ricerca nel campo della fisiologia dell’esercizio, biochimica, anatomia e biomeccanica dello sport.
Fonte:Ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio Bellunese di lingua e cultura

Next Article

Università, arrivano i finanziamenti regionali

Related Posts
Leggi di più

L’archivio storico di Milva donato all’università di Bologna. La figlia: “Questo il luogo ideale per conservare la sua arte”

Sottoscritto ieri l'accordo di donazione che concede tutto il materiale artistico appartenuto alla celebre cantante italiana dalle voce inconfondibile e dalla chioma rossa all'Alma Mater. Il rettore Molari: "Ci impegneremo a a valorizzare il lascito e a renderlo fruibile per tutti gli scopi didattici e di ricerca".