Università, arrivano i finanziamenti regionali

Prima in Italia, la Regione Campania ha costituito un fondo di finanziamento regionale per il sistema universitario

Prima in Italia, la Regione Campania ha costituito un fondo di finanziamento regionale per il sistema universitario che concorrerà a sostenere spese di funzionamento e programmazione degli atenei contribuendo ad evitare l’aumento delle tasse a carico degli studenti.

Il fondo è stato istituito con la legge finanziaria approvata dal Consiglio a fine anno insieme alla Rete Regionale per la Ricerca e dell’Innovazione, denominata Campania INHUB.

L’assessore all’Università ed alla Ricerca Scientifica Guido Trombetti (in foto) parla di tutela del capitale di eccellenze e della qualità della formazione, un piano di azione concreto per potenziare ricerca e innovazione: “l’istituzione del fondo di finanziamento regionale delle università è un segnale politico di grande attenzione al sistema universitario campano ed apre una stagione fortemente innovativa nei rapporti tra la Regione Campania e le Università. La nascita di Campania INHUB, invece – continua l’Assessore – per la prima volta ci permette di mettere a sistema tutti gli attori della ricerca in una rete, ora normata, che sarà coordinata da Campania Innovazione, e che consentirà di standardizzare i servizi e semplificare le procedure in modo da presentarsi in modo univoco alle piccole e medie imprese nell’offerta di servizi”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bologna e Pechino, insieme per lo sport

Next Article

Unict, sigarette elettroniche per smettere di fumare

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".