Berlusconi chiede scusa agli italiani

“Pensavo di chiedere scusa agli italiani perché non ce l’ho fatta. La crisi ha cancellato i nostri sforzi”. A dirlo è l’ex premier Silvio Berlusconi in una nuova anticipazione del libro di Bruno Vespa ‘Il Palazzo e la Piazza. Crisi, consenso e protesta da Mussolini a Beppe Grillo’. Detto questo però il Cavaliere rivendica molti successi sul fronte economico e sociale.

Pensavo di chiedere scusa agli italiani perché non ce l’ho fatta. La crisi ha cancellato i nostri sforzi“. A dirlo è l’ex premier Silvio Berlusconi in una nuova anticipazione del libro di Bruno VespaIl Palazzo e la Piazza. Crisi, consenso e protesta da Mussolini a Beppe Grillo‘. Detto questo però il Cavaliere rivendica molti successi sul fronte economico e sociale.

Abbiamo lasciato la disoccupazione al punto più basso degli ultimi vent’anni – dice – Abbiamo garantito la pace sociale negli anni piu’ duri della crisi. Abbiamo impiegato 38 miliardi in ammortizzatori sociali. Abbiamo tagliato le spese ai ministeri con la prima vera spending review e attuato il più grande stanziamento sulla cassa integrazione della storia italiana”.

Dopo l’annunciato passo indietro come candidato premier, Berlusconi dice di essere tentato di non ricandidarsi anche in Parlamento. ”Si, è vero – afferma alla domanda di Vespa – anche se sto ricevendo pressioni da tutti i miei di restare in campo come padre fondatore del Movimento“.

Le scuse agli italiani arrivano esattamente a un anno di distanza dalla famosa frase ”i ristoranti sono pieni” pronunciata sempre dall’allora premier Berlusconi nella conferenza stampa al termine del G20.

Fonte: adnkronos

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Romadrileño, vi racconto la mia Madrid

Next Article

Università, solo le eccellenze allevano i talenti

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"