Berlino: “Breaking Walls”, una mostra lo ricorda

immagine-1.jpgLe nuove generazioni creative della Street Art italiana celebrano con un inedita mostra la caduta del Muro di Berlino in occasione del suo ventesimo anniversario. Il progetto raccoglie tredici Writers e Street Artists, dopo l’intervento dal vivo nell’happening itinerante Breaking Walls in Via Mercanti a Milano, in una mostra portando un messaggio di “difesa dei diritti umani oltre ogni muro e confine”, confrontandosi con un pubblico trasversale e critico.
La mostra che raccoglie 40 opere di artisti già affermati a livello nazionale e internazionale, è arricchita da una raccolta fotografica dedicata ai Graffiti del muro di Berlino, tratta dall’archivio Alinari Sole 24 ore e da un reportage fotografico dell’evento in Via Mercanti a cura del fotografo Daniele Barraco.
La mostra organizzata da Stradedarts si terrà dal 2 al 19 dicembre 2009 presso la Fondazione Matalon in Foro Buonaparte, 67 a Milano. L’inaugurazione si terrà il giorno 2 dicembre alle ore 18.00 alla presenza di tutti gli artisti, Airone, Kayone, Mambo, Rendo, mr. wany, Senso, Erics, El Gato Chimney, Raptuz, Sea Creative, Leo, Pogliaghi e Flycat.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pedagogia per nuovi cittadini

Next Article

Università, Crui: "subito 500mnl"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.