Benincasa, al via proiezioni e letture giuridiche

Quest’anno anche il fumetto e la fantascienza entrano nella rassegna “Cinema Letteratura Diritto”

Quest’anno anche il fumetto e la fantascienza entrano nella rassegna “Cinema Letteratura Diritto” il ciclo di incontri organizzato dalla facoltà di giurisprudenza dell’Università di Napoli Suor Orsola Benincasa.

L’inaugurazione della sesta edizione si terrà oggi presso la prestigiosa sede del Convento di Santa Lucia al Monte sul tema “Così il Web diventa il nuovo Far West” con la proiezione del film di David Fincher “The Social Network” (Usa, 2010), il racconto cinematografico della nascita di un’immensa community virtuale come Facebook.

“La rassegna “Cinema Letteratura Diritto” – sottolinea il Preside Fichera – è sicuramente il simbolo del nostro peculiare modo di “fare università”, dove si propone, ormai da anni, anche grazie al numero programmato di studenti, una didattica fortemente innovativa, attenta alla tradizione eccellente degli studi giuridici teorici, ma anche fortemente votata alla preparazione alle “pratiche” del diritto attraverso lo studio dei casi giurisprudenziali, le simulazioni processuali, i tirocini presso le magistrature e le lezioni affidate non solo ai giuristi accademici ma anche ai diversi esponenti delle professioni forensi”.

Come da tradizione, il ciclo alternerà proiezioni cinematografiche a lezioni sui classici della letteratura, sempre con il filo conduttore del diritto e dei suoi tanti risvolti pratici e teoretici.

Anche quest’anno poi è previsto un appuntamento speciale: mercoledì 16 novembre al Museo di Capodimonte con una “lettura giuridica” di uno dei capolavori di Tiziano, il celebre “Ritratto di Paolo III con i nipoti Ottavio e Alessandro Farnese”

Consulta qui il programma

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Incentivi alle aziende per l'assunzione di giovani disoccupati

Next Article

Adi, una petizione on line contro le tasse

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.