Beni culturali, coesione e integrazione

Il Ministro per la Coesione territoriale Fabrizio Barca al dibattito “Europa 2020 ultima chiamata. Quale futuro per le politiche di coesione?”

Durante la settimana della cultura a Napoli l’Università di Napoli Suor Orsola Benincasa sollecita una discussione sugli interventi strutturali e programmatici attraverso i quali vengono riconosciute, sollecitate e sostenute sinergie e risorse per la stabilizzazione e messa in rete dei Beni Culturali.

Europa 2020 ultima chiamata. Quale futuro per le politiche di coesione?” È il titolo dell’iniziativa che si terrà mercoledì 18 aprile alle ore 10,00 presso la Sala degli Angeli in via Suor Orsola 10.
Si parte da uno studio dell’ateneo rivolto ad individuare e distinguere musei e siti in grado di esercitare una forte attrattività per il loro valore intrinseco e quelli la cui forza seduttiva è più connessa al grado di integrazione con il territorio.

Dopo l’introduzione del rettore Lucio d’Alessandro, interranno il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, il Presidente dell’Unione Industriale di Napoli Paolo Graziano e il Ministro per la Coesione territoriale Fabrizio Barca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca, senza investimenti non c’è sviluppo

Next Article

Nautica, 2 borse di studio di 3mila euro ciascuna

Related Posts
Leggi di più

Napoli, nasce la Scuola dei Maestri di Strada

È un progetto sociale che mette alla prova il contratto fra le generazioni. L'inclusione sociale implica un cambiamento dell'intera struttura sociale", spiega Cesare Moreno, presidente di Maestri di Strada onlus.