BeanTech: 11 posti di lavoro, settore IT

BeanTech offre nuove opportunità lavorative nel settore informatico.  La società, che opera nell’ambito della gestione dati, cerca con urgenza figure tecniche, laureate o diplomate, da inserire in azienda. Ecco cosa sapere sui posti di lavoro BeanTech da coprire e come candidarsi per le assunzioni.

BEANTECH LAVORO NEL SETTORE DELL’INFORMATICA

Ad annunciare la ricerca di nuovo personale è l’AD e co-fondatore di BeanTech, Fabiano Benedetti, in una recente intervista rilasciata per la rubrica ‘Il Post in fabbrica’ di Radio RTL. L’azienda cerca nuove figure da inserire nell’ambito delle sue attività di Information Technology, focalizzate sulla gestione del dato, che spaziano dalla raccolta dati fino all’Intelligenza Artificiale e allo sviluppo di algoritmi.

In totale sono 11 i nuovi dipendenti che la società intende inserire nel gruppo di lavoro. Le assunzioni BeanTech riguarderanno, probabilmente, le sedi del Gruppo presenti in Veneto e Friuli Venezia Giulia, e la nuova sede di Milano di prossima apertura.

FIGURE RICHIESTE

Nello specifico, la ricerca di personale BeanTech è rivolta ai seguenti profili:

  • sviluppatori IoT;
  • architetti del software, che sappiano creare infrastrutture e piattaforme;
  • data analyst, in grado di lavorare alla valorizzazione del dato.

Per quanto riguarda i requisiti, le offerte di lavoro BeanTech sono rivolte a persone laureate in discipline STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics). Rappresentano risorse di interesse per il Gruppo, e quindi possono ambire a lavorare nell’azienda, anche candidati diplomati in corsi di studio ITS.

L’AZIENDA

Fondata nel 2001, BeanTech è oggi un’azienda di spicco nel campo delle ICT. Con 131 dipendenti, 2 sedi a Reana del Rojale (Udine) e Mestre (Venezia), e una di prossima apertura a Milano,  vanta oltre 400 clienti in 15 Paesi del mondo. Opera in ambiti quali Infrastrutture IT, Business Analysis, CRM e Applicazioni Software. Tra i campi di applicazione dei servizi e prodotti aziendali rientrano i settori Food, GDO & Retail, Manufacturing e Pubblica Amministrazione. 

CANDIDATURE

Gli interessati alle assunzioni BeanTech e alle opportunità di lavoro nel settore IT offerte dall’azienda possono visitare la sezione Jobs (Lavora con noi) del sito web aziendale. In questa pagina è possibile consultare tutte le posizioni aperte e candidarsi on line a quelle di interesse, compilando il form disponibile per inviare il curriculum vitae.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, Azzolina: via libera a ulteriori misure per il lavoro agile. Scuole aperte solo in caso di attività indifferibili

Next Article

Banca Finint Lavora con noi: selezioni in corso

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.