“Basta Monti”. L’appello dalla cupola di San Pietro

Marcello Di Finizio, imprenditore triestino anche ieri ha dormito sulla cupola di San Pietro arrampicandosi fin lassù per la seconda volta dopo circa due mesi. Di Finizio ha esposto uno striscione di protesta: “Help!!! Basta Monti, basta Europa, basta multinazionali. Ci state ammazzando tutti. Sviluppo??? Questa è solo macelleria sociale”.

Marcello Di Finizio, imprenditore triestino anche ieri ha dormito sulla cupola di San Pietro arrampicandosi fin lassù per la seconda volta dopo circa due mesi. Di Finizio ha esposto uno striscione di protesta: “Help!!! Basta Monti, basta Europa, basta multinazionali. Ci state ammazzando tutti. Sviluppo??? Questa è solo macelleria sociale“.

Nessuno è stato in grado di dissuaderlo, nemmeno la lunga conversazione telefonica con i ministri Gnudi e Moavero. Di Finizio protesta contro una direttiva europea che impone di mettere all’asta le concessioni in riva al mare entro il 2015. Ma l’imprenditore non è nuovo a iniziative di questo genere: già la scorsa estate, il 30 luglio, si era arrampicato sul Cupolone, sempre per protestare contro la direttiva Bolkestein.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Generazione a caccia di stage

Next Article

Erasmus e fondi sociali, l'UE lancia l'allarme: "Fondi finiti, buco da 10 miliardi"

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.