Barack Obama in veste web 2.0

digital-obama.jpgL’8 settembre il Presidente Obama si rivolgerà agli studenti dell’intero paese dal sito web della Casa Bianca al fine di evidenziare il ruolo fondamentale dell’istruzione nella vita di un individuo.
Gruppi di genitori e politici conservatori vedono in quest’azione, una velata forma di indottrinamento socialista, e alcuni stati rimettono alle famiglie o ai docenti la possibilità di “connettere” i ragazzi alla Casa Bianca.
La Casa Bianca afferma che il discorso presidenziale mira a sottolineare l’importanza dell’istruzione sia per l’individuo che per la nazione, senza alcuna forma di partigianeria o di imposizione.
Obama stesso è figlio di una filosofia formativa, scevra da ideologie, semplicemente orientata allo studio e a una determinazione di ferro.
Un mese fa, intervistato dal reporter in erba (11 anni), Damon Weaver, Obama dichiarò: E’ mia intenzione indirizzare un discorso a tutti i giovani del paese su come il governo intende migliorare il sistema educativo . Spero che tutti si connetteranno.
Una cosa è incoraggiare i bambini all’impegno scolastico e un’altra è che il Dipartimento dell’Istruzione mandi alle scuole “schede tecniche” su come svolgere ii dibattito- dichiara la Cato Institute, centro di ricerca politica.
Il portavoce delle scuole pubbliche della Columbia ( il sistema pubblico di Washington D.C.) sostiene di non avere i fondi e la strumentazione che supporti la rete digitale.
Considerando che in una società democratica, ognuno è libero di opinare ed esprimersi liberamente, non si può trascurare il fatto che la formazione, rientra tra i punti fondamentali del programma del presidente americano, intesa come obbligo morale nei confronti dei cittadini.
Non voglio mandare un’altra generazione di bambini americani a scuole fatiscenti. Non voglio questo futuro per le mie figlie. Non voglio questo futuro perl’America. (Barack Obama, dal discorso del 28 agosto 2008).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Brogli a Medicina: tremila euro per passare i test

Next Article

Shanghai - Pavia:l’ingegneria si fa internazionale

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"