Azzolina in Sicilia: "Lezioni anche in cinema e teatri". E lancia la possibilità dei banchi singoli

“In Sicilia come in altre parti d’Italia abbiamo l’obiettivo di migliorare gli spazi attualmente disponibili, cercarne negli altri al di fuori dalla scuola, anche per avvicinare gli studenti al mondo della cultura, in luoghi come cinema e teatri e musei. Un modo da avvicinare gli studenti al mondo della cultura. Vogliamo potenziare l’organico con docenti e personale Ata“. Lo ha detto la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, dopo la visita alla scuola “Falcone” di Palermo,  allo Zen, bersaglio ripetuti raid vandalici.

“Stiamo lavorando molto bene con il commissario Arcuri, stiamo investendo dei soldi per acquistare dei banchi singoli che possano essere arredi moderni e che possano restare. Si tratta di investimenti strutturali per le nostre scuole e che permetteranno forme di apprendimento nuove”, ha spiegato Azzolina. Mentre il pentastellato Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare Antimafia, annuncia via twitter l’impegno di fornire spazi per gli studenti grazie ai beni sequestrati alla criminalità organizzata.

La ministra è intervenuta sugli atti vandalici nella scuola Falcone. “La scuola non si piega: offendere la scuola significa offendere lo Stato e questo non lo permetteremo mai né come ministro dell’Istruzione, né come dirigente scolastico, né come comunità. La scuola è baluardo di legalità, di socialità ed è baluardo dello Stato. Per la sicurezza della scuola Falcone e di altri istituti di Palermo siamo intervenuti e metteremo impianti di videosorveglianza lavorando insieme con questura e prefettura. I monitoraggi continui da parte delle forze dell’ordine spero possano dare una mano alla dirigente della scuola Falcone e agli studenti che hanno diritto a una scuola di qualità”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Erasmus+ 62 tirocini all’estero per diplomati

Next Article

Settembre all'Università: lezioni in presenza e no tax area fino a 20mila euro di Isee

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".