Atenei del Sud, unità d’intenti

ok.jpgUnire insieme due realtà molto vicine, ma nello stesso tempo lontane. Il Sud Italia si affaccia sui paesi del Mediterraneo attraverso un ponte ideale fatto di cooperazione e solidarietà. A farsi promotori di una politica di cooperazione concreta e solidale con i Paesi in via di sviluppo sono gli atenei del Sud. Lo strumento utilizzato: un convegno nazionale sulla cooperazione delle Università.
L’ateneo di Palermo, capofila per i progetti di cooperazione e sviluppo delle università dell’Italia meridionale e insulare, e le altre università della Sicilia saranno le madrine di una manifestazione dal sapore mediterraneo. Ad ottobre partirà il convegno, definito in questi giorni nel corso del tavolo tecnico con vari soggetti della società civile e col direttore generale della direzione per la Cooperazione allo sviluppo del ministero degli Affari esteri, Elisabetta Belloni.
“Tutte le Università del Sud – afferma il rettore dell’Ateneo di Palermo, Roberto Lagalla – in quella sede, avanzeranno le loro proposte di lavoro con progetti concreti che avranno due linee di intervento: l’attrazione e l’accoglienza degli studenti extracomunitari negli Atenei meridionali e l’adozione di un Paese in via di sviluppo da parte di ciascuna Università”.
“Realizzeranno un monitoraggio delle attività di cooperazione portate avanti nell’Isola – aggiunge Salvo Andò, presidente del Comitato regionale di coordinamento delle Università siciliane – per ottimizzare le azioni e usare meglio le risorse di cui disponiamo. Noi vorremmo fare della Sicilia un hub della conoscenza”. Per il ministro plenipotenziario Belloni, “l’appuntamento di Palermo puo’ essere il punto di partenza per identificare in maniera incisiva le linee operative da portare avanti nell’ambito dei programmi di cooperazione”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

20 consulenti nelle assicurazioni auto

Next Article

Faenza, tante oppurtunità nell'abbigliamento

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).