Assunti 69 mila docenti, ma a finanze invariate

69 mila docenti

 

Il decreto L’Istruzione riparte, approvato ieri al Senato, prevede l’assunzione di 69 mila docenti oltre alla stabilizzazione di oltre 26 mila insegnanti di sostegno. Una buona notizia per i vincitori di concorso e i precari in attesa dell’immissione in ruolo, eppure non mancano le polemiche.

Secondo il decreto, infatti, le assunzioni dovranno avvenire a finanze invariate ovvero senza aumento di stipendio. I nuovi professori di ruolo, insomma, firmeranno un contratto a tempo indeterminato, ma continueranno a percepire, almeno inizialmente, lo stesso stipendio che prendevano da precari. La misura, inoltre, blocca l’avanzamento di carriera che scatterà per i nuovi assunti solo dopo 8 anni dall’immissione in ruolo mentre generalmente parte dopo i primi 3 anni.

https://rstampa.pubblica.istruzione.it/utility/imgrs.asp?numart=291JMV&numpag=1&tipcod=0&tipimm=1&defimm=0&tipnav=1

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cresta alla Balotelli, così un prof taglia i capelli ad uno studente

Next Article

Sommelier della birra, al via un corso all'università di Udine

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"