Assistenti di lingua italiana all’estero

Quasi 300 i posti disponibili per assistenti di lingua italiana per l’a.s. 2013/2014 nei seguenti Paesi: Austria, Francia, Irlanda, Germania, Regno Unito e Spagna. Domande entro il 12 gennaio 2013

Sono quasi 300 i posti disponibili per assistenti di lingua italiana all’estero per l’a.s. 2013/2014.

Nel dettaglio: 30 posti in Austria,3 in Belgio (lingua francese),169 in Francia,6 in Irlanda, 29 nella Repubblica Federale di Germania, 15 nel Regno Unito e 29 in Spagna.

L’opportunità è riservata a studenti universitari under 30 con almeno due esami nella lingua e/o letteratura del Paese richiesto. Può partecipare inoltre anche chi ha già conseguito una laurea vecchio ordinamento o specialistica/magistrale dal 1° giugno 2012.

La domanda, per uno solo dei Paesi indicati, va compilata on-line entro il 12 gennaio 2013

Per informazioni:

dal lunedì al venerdì dalle ore 10.30 alle ore 13.00 tel. 06 58493777; via mail all’indirizzo [email protected]

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Matematica con successo, non dipende dall'intelligenza ma dalla motivazione

Next Article

Il Professore si è dimesso

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.