Approvato il nuovo Isee. Letta: “All’Università in Ferrari? Basta con questi scandali”

nuovo isee

Via libera del Consiglio dei Ministri al nuovo Isee. Il Premier Enrico Letta ha annunciato ieri l’approvazione del decreto legge che cambia l’indicatore della situazione economica. Nel nuovo Isee avranno maggior peso il patrimonio immobiliare e quello economico.

La riforma dell’Isee, fondamentale per l’accesso a prestazioni sociali come asili nido, borse di studio, mense scolastiche e abbonamenti ai mezzi pubblici, è contenuta in un decreto della presidenza del Consiglio.

Stretta intorno agli evasori fiscali: in particolare la norma diminuisce drasticamente il peso delle autocertificazioni che, per i dati fiscali più importanti come il reddito complessivo e quelli relativi alle prestazioni ricevute dall’Inps saranno compilati direttamente dalla pubblica amministrazione.

Una misura necessaria per “affrontare lo scandalo dei finti poveri”. Così il Premier Letta aveva presentato il decreto al CdM. Spiegando il varo del nuovo indicatore, il presidente del Consiglio ha fatto riferimento a recenti casi di cronaca: “Abbiamo visto lo scandalo di chi andava all’Università in Ferrari, sono vicende che feriscono i tanti che hanno bisogno. Basta a questi scandali”.

Il Ministro Giovannini ha poi chiarito le linee principali del nuovo indicatore: “Con l’Isee riformato saranno incrociate le diverse banche dati fiscali e contributive, saranno integrati dati e prestazioni a livello nazionale e locale”. Inoltre: “La riforma prevede non solo una definizione più ampia del reddito ed un maggior peso della situazione patrimoniale, ma anche una forte attenzione alle famiglie più numerose e alle diverse condizioni di disabilità. Questa riforma – ha concluso Giovannini – rappresenta anche un tassello fondamentale per sviluppare politiche efficaci di contrasto alla povertà, come quelle basate sul Sostegno dell’inclusione sociale attiva (Sia)”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tatuaggi: un milione e mezzo di italiani ne ha almeno uno. Boom tra i giovanissimi

Next Article

"Il cervello si comporta in due modi diversi". Spiegate le differenze tra uomini e donne

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".