Ansia e depressione, gli Italiani scoprono come regolarle

Schermata 2013-05-24 a 12.42.11

Ansia e depressione? La colpa sarebbe di un ormone. E’ quanto hanno scoperto dei ricercatori italiani. Somministrando il peptide PACAP a topolini sani, questi cominciano, infatti, a manifestare sentimenti di ansia e depressione. Sono i risultati di uno studio riportato sulla rivista Neuropsychopharmacology da Valentina Sabino e Pietro Cottone entrambi alla Boston University School of Medicine (BUSM) ”Il PACAP e il suo recettore – spiega Sabino all’Ansa – sono quindi possibili bersagli farmacologici.

Ipotizziamo che questo sistema sia coinvolto nella normale risposta allo stress ma che una continua stimolazione possa causarne una disregolazione che, infine, puo’ facilitare l’insorgenza di disturbi ansiosi e depressivi”. Gli esperti hanno visto che PACAP e il suo recettore sono attivi soprattutto nell’amigdala, il centro della paura, e che aumentando i livelli di PACAP in topi, questi manifestano disturbi d’ansia e depressivi. ”Il nostro laboratorio sta continuando questa linea di ricerca per capire esattamente come lo stress cronico possa generare un’iperattivita’ del sistema del PACAP, per poi intervenire farmacologicamente per bloccarlo conclude Sabino. Una classe di farmaci bloccante del recettore PAC1 secondo noi potrebbe costituire un nuovo trattamento per disturbi d’ansia e dell’umore”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cina: 548 studenti intossicata dalla merenda fornita dallo Stato. Gravi alcuni

Next Article

Smettere di fumare non fa ingrassare

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.