Anonymous ha svelato il nome del cyber bullo della giovane Amanda

Il sito di hacker Anonymous ha svelato l’identità del ‘cyber-bullo’ che ha portato al suicidio la quindicenne di Vancouver Amanda Todd. Lo scrive il quotidiano Daily Mail. Trentadue anni, della British Columbia, l’uomo indicato da Anonymous sarebbe colui che, dopo aver iniziato una relazione virtuale con Amanda, ha cominciato a pubblicare le foto private di lei sul social network, rendendo la sua vita un inferno e portandola a togliersi la vita. Il gruppo di hacker ha diffuso in rete nome e indirizzo del cyber-bullo.

Il sito di hacker Anonymous ha svelato l’identità del ‘cyber-bullo‘ che ha portato al suicidio la quindicenne di Vancouver Amanda Todd. Lo scrive il quotidiano Daily Mail. Trentadue anni, della British Columbia, l’uomo indicato da Anonymous sarebbe colui che, dopo aver iniziato una relazione virtuale con Amanda, ha cominciato a pubblicare le foto private di lei sul social network, rendendo la sua vita un inferno e portandola a togliersi la vita. Il gruppo di hacker ha diffuso in rete nome e indirizzo del cyber-bullo.

E’ un abominio della nostra società e sarà punito“, dicono gli hacker in un video postato su youtube in cui rivelano le generalita del del cyber-bullo. Quanto alla possibilità che non sia la persona sbagliata, aggiungono: “Nella peggiore delle ipotesi è l’uomo che ha fatto questo ad Amanda Todd. In ogni caso è comunque un altro pedofilo che sfrutta i bambini“. Frequentatore di siti pedopornografici, l’username del cyber-bullo compare su diversi forum frequentati da ragazzine alle quali era solito dare consigli. Subito dopo l’annuncio di Anonymous, gli amici e sostenitori di Amanda hanno creato pagine Facebook in cui avvertono l’uomo di “dormire con un occhio aperto“.

Fonte: ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Prosegue la battaglia contro il cancro

Next Article

Under 35: precariato raddoppiato in 8 anni

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"