Angeletti, Uil: stiamo perdendo mille posti di lavoro al giorno

Un autunno drammatico. E’ questo ciò che si prospetta per il lavoro e quindi l’occupazione italiana. E’ il numero uno della Uil Luigi Angeletti a lanciare l’allarme durante un’intervista a Tgcom24. Angeletti ha sottolineato che “stiamo perdendo mille posti di lavoro al giorno” e che “questa emorragia non si arresterà”.

Un autunno drammatico. E’ questo ciò che si prospetta per il lavoro e quindi l’occupazione italiana. E’ il numero uno della Uil Luigi Angeletti a lanciare l’allarme durante un’intervista a Tgcom24. Angeletti ha sottolineato che “stiamo perdendo mille posti di lavoro al giorno” e che “questa emorragia non si arresterà”.

“Ci aspettano – ha continuato – mesi peggiori di quelli che sono passati. I miracoli non si possono fare, quindi se solo si facessero le riforme con la sufficiente rapidità già sarebbe qualcosa”.

Il sindacalista va giù pesante toccando anche il dolente tasto della politica e dei suoi privilegi: “una cosa scandalosa. Ci sono 960mila persone che vivono di politica e negli ultimi 10 anni hanno aumentato il loro reddito dell’80%. Non c’è lavoratore o imprenditore che ha beneficiato dello stesso trattamento”.

Da una indagine effettuata da Demos & Pi emerge che la popolazione intervistata si ritiene molto insoddisfatta della riforma del lavoro del Governo Monti. Quasi il 60% degli intervistati ritiene che la crisi si estinguerà tra più di due anni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test d'ingresso. Inizia la corsa alle graduatorie

Next Article

A Milano dal 18 al 30 settembre: giovani talenti della Moda e del Design italiano

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.