Anac, è "stretta" sugli atenei italiani

Commissioni sorteggiate con maggioranza di membri esterni, rotazioni commissari, maggiori trasparenza nella selezione riviste scientifiche. E ancora maggiori dettagli sull’incompatibilità, motivazione decisionali e programmazione reclutamento docenti. Sono le maggiori disposizione contenute nelle prescrizione dell’Autorità nazionale anticorruzione di Raffaele Cantone che dovranno essere recepite nei regolamenti degli atenei.
Nel settembre 2018 scatterò la vigilanza sull’attuazione di tali disposizioni. Dopo i recenti scandali sui concorsi dei selezione delle cattedre universitarie, sono gli stessi atenei che hanno chiesto proprio all’authority di aiutarli ad aumentare la trasparenza tra le proprie mura. Cantone sottolinea, poi, l’importanza della formazione delle commissioni, su cui la legge lascia ampi spazi di manovra. Spazi in cui si insinuano spesso i conflitti di interesse. “Commissioni di almeno tre membri di cui la maggioranza esterni”. E una motivazione della decisione secondo valutazione verbalizzate. Possono sembra azioni scontate ma non lo sono nel panorama universitario italiano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 7 dicembre

Next Article

Stage ad Atene come social media manager in una startup

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.