Alternanza, ministra Valeria Fedeli: "A settembre Carta per combattere abusi"

La Carta dei diritti e doveri degli studenti ed un portale telematico per denunciare gli abusi: sono questi gli strumenti che verranno messi in campo dal Miur da settembre per combattere lo sfruttamento del lavoro degli studenti durante le ore di scuola-lavoro. Ad annunciarlo è proprio la ministra Valeria Fedeli che assicura: “1000 tutor che lavoreranno per favorire i contatti e sinergie tra il mondo del lavoro e quello della scuola, senza sostituire i tutor scolastici”. L’annuncio è avvenuto dopo una lunga gestazione e il parere del Consiglio superiore della pubblica istruzione; ritardo dovuto soprattutto all’ok sulla copertura economica del Ministero dell’Economia
L’allarme sullo sfruttamento era stato lanciato nelle scorse settimane dai sindacati degli studenti: l’Unione degli studenti (Uds) aveva presentato un suo rapporto di monitoraggio in cui su 15 mila studenti intervistati, il 57% aveva svolto l’alternanza in attività che non c’entravano con il proprio piano di studi, il 47% denunciava la violazione dei propri diritti e l’87% voleva poter decidere il proprio percorso. Sotto questo punto di vista la Carta, più volte richiamata dai sindacati, dovrebbe rispondere a tali necessità prevedendo una serie di diritti non solo per gli studenti, ma anche per gli allievi del Sistema di istruzione e formazione professionale (IeFP).  Dal diritto a svolgere “un percorso personalizzato” a “un ambiente di apprendimento favorevole alla crescita personale”. Dall’essere seguiti da un tutor scolastico e uno aziendale, fino al diritto di esprimere una valutazione sull’efficacia e sulla coerenza del percorso con il proprio indirizzo di studio. 
Dall’altra parte ci sono anche i doveri da rispettare: “L’effettiva frequenza e l’obbligo alla riservatezza sulle informazioni sensibili dell’azienda”. Inoltre il Miur metterà a disposizione un portale di denuncia di eventuali abusi. 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vacanza post esami? La top 5 delle persone con cui non vorresti partire

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 12 luglio

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident