All’Università della Calabria un corso sulla Shoah

”Come trasmettere la Shoah alle generazioni del futuro nel rispetto della storia, lontano da retorica e facile demagogia, e quali metodologie scegliere, fra le molte possibili, per ottenere i migliori risultati sul piano didattico e formativo”.

Per rispondere a questi interrogativi l’Universita’ della Calabria, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria, ha organizzato un Corso di Storia e didattica della Shoah, di cui venerdi’ 19 e sabato 20 ottobre 2012 si realizzera’ la quarta edizione. Il Corso e’ uno dei cinque organizzati dalla Rete Universitaria per il Giorno della Memoria, con il patrocinio del Miur e dell’Unione delle Comunita’ Ebraiche Italiane, in altrettanti atenei del Paese – ovvero a Trieste, Bologna-Forli’, Teramo, Bari e appunto Arcavacata di Rende.

Il Corso, si svolge in collaborazione con l’Ambasciata d’Israele in Italia, il Museo della Memoria Ferramonti di Tarsia e Spi Cgil Calabria. La responsabilita’ scientifica e’ del Dott. Paolo Coen e della Prof.ssa Viviana Burza, la segreteria organizzativa e’ curata della Dott.ssa Maria Filosa.

Il Corso, rivolto principalmente ad insegnanti di scuole secondarie di primo e di secondo grado, si avvarra’ del contributo didattico, oltre che dei due curatori scientifici, di vari studiosi, interni ed esterni ai cinque atenei e permettera’ ai partecipanti di ricevere un attestato finale con l’accredito di 2 Cfu.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Foxconn ammette: nella catena di montaggio della Nintendo Wii hanno lavorato bambini di 14 anni

Next Article

Etna, uno studio per prevedere il comportamento del vulcano

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.