All'Insubria internet bandito oltre gli orari di lavoro. Nasce il diritto alla disconnessione

All’università degli studi dell’Insubria nasce il diritto alla disconnessione quando non si è al lavoro. nessuna mail la sera e nei giorni di festa.

Quante email riceviamo ogni giorno? Quante telefonate, sms, messaggi whatsapp per lavoro? Dobbiamo imparare a “staccare la spina” per ricaricarci e migliorare la qualità del nostro tempo.
Per queste ragioni, all’Università degli Studi dell’Insubria il “Diritto alla disconnessione” – già legge in Francia, ma non ancora in Italia – è diventato realtà per tutto il personale tecnico amministrativo. In buona sostanza si tratta dell’applicazione del principio della non reperibilità extra lavorativa.
Infatti, dalle 20.00 alle 7.00 del giorno seguente e in tutti i fine settimana e festivi chi riceve mail, telefonate e altro ha il diritto di non rispondere e di concentrarsi sulla vita personale e non soltanto professionale. In più, con cadenza trimestrale, è previsto il “Giorno dell’indipendenza dalle e-mail”, in cui si favoriscono le riunioni brevi al posto di messaggi di posta elettronica.
L’uso delle tecnologie, dunque, deve essere calibrato e permettere al cervello di riposare. Staccare serve per avere maggiore efficacia lavorativa, eliminando l’errata convinzione che la connessione no-stop sia indice di produttività.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Politiche per la mobilità urbana

Next Article

Alternanza scuola lavoro, tra critiche degli studenti e "Tutor" in arrivo. Dal Pon 140 milioni

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.