All'Autodromo di Monza gli Ingegneri studiano in pista

All’autodromo di Monza gli Ingegneri studiano in pista

All’Autodromo nazionale di Monza la prima scuola italiana che forma tecnici per il motorsport.
In una delle piste più leggendarie del campionato di F1 ha sede la Motorsport Technical School, la prima scuola in Italia rivolta ai professionisti di domani del mondo del motorsport.
Un progetto che nasce 5 anni fa da un’idea di Eugenia Capanna, prima pilota poi team manager, con l’obiettivo di creare figure professionali in grado di soddisfare il mercato sempre più esigente delle competizioni sportive e che ha oggi all’attivo oltre 200 professionisti di questo settore formati, con placement – tra le altre categorie – anche in F1 e MotoGP.
A dicembre MTS inizierà il suo 6° ciclo di lezioni che si concentrano nei fine settimana da dicembre ad aprile, approfittando della pausa delle diverse competizioni automobilistiche e motociclistiche.
MTS propone corsi di meccanica auto base, meccanici auto racing professional, meccanici moto racing e meccanici auto racing advanced; tutti i corsi elencati sono rivolti a chi ha conseguito – o sta conseguendo – un diploma di istruzione media superiore.
Il corso di race engineering è invece rivolto agli studenti di ingegneria e si svolge prevalentemente in lingua inglese. E’ tenuto da un team di professionisti di alto livello con l’ottica di fornire risorse qualificate presso i team dei diversi campionati di motorsport. Alla fine del corso, per i più meritevoli, è previsto un periodo di tirocinio in una squadra corse, con l’obiettivo di inserire i ragazzi in questo mondo, come già avvenuto nelle precedenti edizioni.
Il corso race engineering verte sulla gestione tecnica di una vettura da corsa e gli argomenti trattati spaziano dai pneumatici, ammortizzatori, freni, sospensioni, elettronica, motore e trasmissione fino alla gestione strategica e all’aerodinamica. I concomitanti corsi meccanici permettono di fare pratica sulle auto all’interno dei box MTS presso l’autodromo di Monza. Sono previste infine visite didattiche presso aziende e fiere del settore. Alcune lezioni vedono la partecipazione di aziende partner, come Pirelli e Brembo, attraverso i loro tecnici abitualmente impegnati nel campionato di F1.
Le selezioni per l’anno scolastico 2016/2017 sono partite e tutt’ora in corso. Il 4 e il 21 ottobre hanno avuto inizio rispettivamente quelle relative al corso i meccanici moto e al corso meccanici auto.
Gli aspiranti ingegneri di pista saranno invece selezionati a partire dal 5 novembre.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Uno studente italiano inventa il violino di seta: Londra lo premia con 10 mila sterline

Next Article

La rassegna stampa di venerdì 4 novembre

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.