All'asta il diploma del genio della fisica

050405_einstein_tongue_widec.jpgChi riuscirà a portarselo a casa potrà sbandierare il documento che prova quanto è piccolo un atomo. Perché il diploma di dottorato conseguito da Albert Einstein a Zurigo nel gennaio 1906 sarà messo all’asta il prossimo giugno da Galerie Fischer di Lucerna, in Svizzera.
A soli 26 anni, il fisico ormai sinonimo di genialità e intelligenza, mise a punto la teoria della relatività che lo rese indimenticabile. Solo qualche mese prima Einstein aveva concluso il dottorato con un lavoro dal titolo ‘Eine neue Bestimmung der Molekuldimensionen’ (‘Una nuova determinazione delle dimensioni molecolarì), in cui spiegava come è possibile stabilire le dimensioni di un atomo. Il premio Nobel per la FIsica invece arriva nel 1921 “per i suoi contributi alla fisica teorica e specialmente per la sua scoperta della legge dell’effetto fotoelettrico”. E da quel momento inizia una popolarità fino ad allora sconosciuta per uno scienziato.
Non è facile immaginare quanto si sarà disposti a pagare per il primo documento importante dello scienziato. Ma una vaga idea possiamo iniziare a farcela: lo scorso ottobre un orologio da polso Longines ricevuto in regalo da Albert Einstein nel 1931 è stato venduto per quasi 600.000 dollari a un’asta organizzata a New York dalla casa d’aste ginevrina Antiquorum; a maggio dello scorso anno invece la londinese Bloomsbury aveva battuto per circa 200.000 sterline la lettera in cui il fisico afferma che Dio “non è nient’altro che l’espressione e il prodotto delle debolezze umane”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Venditori di ferramenta su Roma e L'Aquila

Next Article

Bertolaso contestato alla Federico II

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"