Bertolaso contestato alla Federico II

Un pomeriggio difficile per Guido Bertolaso alla Federico II. Durante l’inaugurazione della mostra “Terremoti d’Italia” allestita nei locali della facoltà di Ingegneria, ieri pomeriggio il sottosegretario per l’emergenza rifiuti è stato contestato aspramente una trentina di rappresentanti del presidio permanente di Marano e Chiaiano.
“Vergogna, sei indagato, dimettiti” hanno urlato i contestatori ai quali si sono aggiunti gli studenti del collettivo di ingegneria. I ragazzi hanno anche realizzato uno striscione con la scritta: “Se ti intendi di terremoti quanto di rifiuti siamo inguaiati”.
“In un paese democratico – ha commentato Bertolaso – sono giuste, corrette e comprensibili le manifestazioni di dissenso. È ovvio – ha proseguito – che come funzionario dello Stato il mio compito è quello di risolvere problemi. Se certe volte questo crea proteste o fastidio me ne dolgo ma non posso non continuare a fare il lavoro che sto portando avanti”. La contestazione non ha interrotto il regolare svolgimento della cerimonia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

All'asta il diploma del genio della fisica

Next Article

Commessi per i nuovi negozi Saturn

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".