Allarme bomba ad Harvard, risolto il mistero: era uno studente che voleva saltare un esame

harvard

Voleva saltare l’esame perché non era abbastanza preparato. Si è risolto il mistero di due giorni fa ad Harvard, quando a seguito di alcune email allarmanti, fu evacuata l’intera struttura.

A darne notizia è il Crimson, lo storico giornale interno all’Università. Eldo Kim, 20 anni, studente di Psicologia: è stato lui a mandare email minatorie in cui avvertiva della presenza di ordigni esplosivi nelle strutture dell’università.

Il ragazzo, nonostante abbia fatto tutto a regola d’arte per evitare di farsi beccare, ha poi confessato all’FBI.

Secondo un documento affidato al procuratore legale che difende la matricola 20enne Eldo Kim, lo studente ha detto alle autorità di “aver avuto intenzione di evitare l’esame finale che si sarebbe dovuto tenere lunedì”.

Kim ha inviato “ai dirigenti di Harvard, alla polizia e al direttore del Crimson” delle email grazie a sistemi non tracciabili su Internet in cui annunciava la presenza di bombe nelle zone dell’ateneo interessate dai suoi esami. Si è poi recato regolarmente alla prova, per risultare presente, e quando è scattata l’allarme “ha saputo che il suo piano aveva funzionato”.

“Fate in fretta perché esploderanno presto”, aveva scritto nelle mail. Ora rischia cinque anni di galera, tre anni di sorveglianza speciale e una multa da 250mila dollari.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Graduatorie medicina, il commento degli studenti: "Continuiamo con i ricorsi"

Next Article

Università Telematiche, è crisi: la IUL con soli 10 laureati l'anno

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".