Allarme bambini e adolescenti, vittime di traumi

Dal 15esimo, congresso mondiale di Psichiatria della World Psychiatric Association, emergono dati allarmanti sui traumi infantili e adolescienziali.

Dal 15esimo, congresso mondiale di Psichiatria della World Psychiatric Association, che si svolge a Buenos Aires, emergono dati allarmanti sul numero dei bambini e adolescenti, vittime di traumi, a livello mondiale. Telefono Azzurro evidenzia come  sia necessario un intervento scientifico e mirato per i programmi di intervento.

“Il 26% dei bambini al di sotto dei 4 anni di età è stato testimone o vittima di eventi traumatici, mentre il 52% ne ha vissuto almeno uno prima dei 18. Guerre, attentati terroristici, abusi, violenze e incidenti sono fra le cause più frequenti di trauma e possono causare gravissime conseguenze sulla salute mentale dei bambini e degli adolescenti. A fronte di questi dati, è triste dover constatare come la maggior parte dei programmi di intervento attuati con bambini e adolescenti che ne sono vittima, non possieda alcun fondamento scientifico. Troppo spesso si interviene senza sapere se ciò che si fa sia efficace o dannoso per un bambino”.

Il prof. Ernesto Caffo, Presidente di Telefono Azzurro e Ordinario di Neuropsichiatria Infantile presso l’Università di Modena e Reggio Emilia lancia l’allarme dal Congresso mondiale di psichiatria.

La World Psychiatric Association, presieduta dal professor Mario Maj, ha riunito nella Capitale argentina i più noti psichiatri a livello internazionale, con l’obiettivo di dare una visione d’insieme dei risultati e delle tendenze più promettenti nei vari ambiti d’applicazione della ricerca psichiatrica. Coordinatore di quattro sessioni sulla “Psichiatria infantile e adolescenziale” il professor Caffo ha così spiegato la necessità di interventi efficaci sui temi del trauma e dell’abuso:

“I bambini possono essere profondamente traumatizzati da un abuso, ma anche da eventi come il suicidio di un coetaneo, un incidente d’auto o un terremoto. E date le gravi conseguenze che tali situazioni possono causare sulla loro salute, è necessario promuovere anche in Italia maggiori ricerche sul tema, ma soprattutto occorre sperimentare nuovi modelli di intervento che prendano ad esempio le esperienze già maturate a livello internazionale, a seguito di gravi disastri naturali o attentati terroristici. Telefono Azzurro aiuta i bambini e gli adolescenti collaborando con esperti e centri che a livello internazionale si occupano di traumi: l’obiettivo è diffondere in Italia i modelli di intervento che si sono dimostrati realmente efficaci per far sì che i bambini ricevano le cure migliori”.

Da oltre 24 anni l’Associazione dà ascolto ai bambini e agli adolescenti che hanno vissuto esperienze traumatiche, mantenendo costante la riflessione e la prevenzione sul tema sia ponendo l’attenzione verso le condizioni potenzialmente in grado di minacciare i soggetti più esposti o a rischio, sia con interventi tesi a limitare le conseguenze sul piano psicopatologico dell’esposizione ad un evento traumatico.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tirocini Schuman al Parlamento Europeo

Next Article

Master in Diritto del lavoro

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"